« Torna alla pagina delle canzoni

Letti

Interpretata da Umberto Bindi e New Trolls (1996)

Autori: Zero - Bindi

Letti di avvenimenti
di battaglie di voglie e doglie
letti che sanno tutto ormai.
Di vite mai trattate
di tragiche nottate
letti che non ti spieghi mai…
Se vuoi conoscere chi sei
se vuoi sedurre la realtà
mettiti a lettoquei pensieri
è l’alba che li guarirà
gli errori tuoi
finiti amori.
E’ lì che si scatena l’anima
è pallida, anonima.
Rimescolando solitudini
un letto sa confonderci
stracci o rarissimi merletti,
ognuno giace come merita,
come si immagina, come vivrà…
Lo stesso letto tu lo sai
stessa ostinata compagnia.
Se fosse un angelo a svegliarti
e ricordarsi almeno lui
che ancora puoi…
Che non eri solo.
Dimenticati letti
letti così distratti
sparati in fondo a un cielo blu
dove è iniziato il pianto
e il cuore per incanto
ha rincontrato una poesia.
E’ lì che ha un senso avere un’anima…
Perché chi può dimentica
trovagli un letto a certi uomini
e rischierai di perderli!
L’amore qui si replica
perché ogni notte non sia l’ultima
ancora tu, la vittima…
E’ lì che si scatena l’anima
un letto a chi ti giudica!

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory