« Torna alla pagina delle canzoni

E quel giorno non mi perderai più

Interpretata da Franco Fasano (1989)

Autori: Berlincioni - Fasano

L’inquietudine è una scia, dove nuoti sempre tu,
la corrente è troppo forte e tu non ti fermi più,
la tua rotta hai scelto già verso l’idiosincrasia,
per le cose più normali anche per me
Se tu seguissi la teoria della regolarità,
ti raggiungerei attraverso tutte le difficoltà,
e se poi, istintivamente, ritrovassi l’armonia,
ne guadagnerebbe il mondo, non solo noi
Ma dimmi dove sei, così ogni tanto mi oriento,
e dimmi come mai da me ti stai nascondendo,
la tua fragilità la scopro e poi la difendo,
e quel giorno non mi perderai più
E dimmi sì o no, se è vero che ti appartengo,
se stare insieme a me ancora ha un suo fondamento.
Ma ora che noi siamo qui, trova un posto all’allegria,
chiudi tutte le finestre per non farla andare via,
perdoniamoci le volte che non siamo stati noi,
quando c’erano le lotte dei tuoi sogni contro i miei
Ma dimmi dove sei, così ogni tanto mi oriento,
se non ti incontrerò ti cercherò tutto il tempo,
se mi sorriderai ritroverò l’entusiasmo,
e quel giorno non mi perderai più
Se solo lo vorrai, sarà di nuovo stupendo,
e quel giorno non mi perderai più
e quel giorno non ti perderò più.

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory