« Torna alla pagina delle canzoni

Aria

Interpretata da Daniele Silvestri (1999)

Autori: Daniele Silvestri

Alle otto e un quarto di un mercoledì d’agosto
sto finalmente abbandonando questo posto
dopo trent’anni carcerato all’Asinara
che vuoi che siano poche ore in una bara.
Ché in una bara in fondo non si sta poi male
basta conoscersi e sapersi accontentare
e in questo io, modestamente, sono sempre stato un grande
perché per vivere a me non serve niente solo…
Aria… soltanto… aria…
L’avevo detto “prima o poi vi frego tutti”
quelli ridevano, pensavano scherzassi
“da qui non esce mai nessuno in verticale”
come se questo mi potesse scoraggiare
e poi col tempo mi hanno visto consumarmi poco a poco
ho perso i chili, ho perso i denti, somiglio a un topo
ho rosicchiato tutti gli attimi di vita regalati
e ho coltivato i miei dolcissimi progetti campati…
In aria… nell’aria.
E gli altri sempre a protestare, a vendicare qualche torto
a me dicevano, schifati, “tu sei virtualmente morto!
a te la bocca serve soltanto a farti respirare”
io pensavo: “e non è questo il trucco? Inspirare, espirare”,
inspirare, espirare: questo posso fare
e quando sono fortunato sento l’umido del mare
io la morte la conosco, e se non mi ha battuto ancora
è perché io, da una vita, vivo solo per un’ora…
D’aria… aria.
Respiro lento
aspetto il vento.
Il mio momento
arriverà

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory