« Torna alla pagina delle canzoni

‘A paura

Interpretata da Antonio Murro (1989)

Autori: V.Mercurio

Uocchie miei troppe cecat’ ‘e suonne
pecché mo’ nun ghiate a durmi?
‘a paura ca schiar’o iuorno
sient’a voce si t’adduorme.
Si aggia fatt’o male me ne pento
io me chiagn’o iuorno ca so’ nnato
e ‘a paura me stregn’o core
cu’sti llacrime ‘e dulore!
Forse è ‘a paura,
forse è stanotte cchiù scura,
vaco cercanno ‘a porta strisciann’o muro,
stu rimorso me turment’o core.
Forse è ‘a paura
ca non me fa durmì a sulo.
Mo’ chi tene ‘o sole ‘n facce canta ‘e notte
e chi resta all’ombra add’a murì.
Si aggia fatt’o male me ne pento
io me chiagn’o iuorno ca so’ nnato
e ‘a paura me stregn’o core
cu’sti llacrime ‘e dulore!
Forse è ‘a paura,
si ‘o cielo cagn’e culore,
forse è ‘a paura,
me saglie ‘o fridd’int’o core
pe’ sta male capa ch’aggi’avuto.
Forse è ‘a paura,
ca non me fa durmì a sulo.
Mo’ chi tene ‘o sole ‘n facce canta’e notte
e chi resta all’ombra add’a murì.
Forse è ‘a paura,
fors’è stanotte cchiù scura,
stu rimorso me turment’o core.
Forse è ‘a paura,
forse è stanotte cchiù scura,
vaco cercanno ‘a porta strisciann’o muro,
stu rinorso me turment’o core.

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory