« Torna alla pagina delle canzoni

Straniero

Interpretata da Miki (1987)

Autori: M.Porru - M.Tansini

Come un gabbiano sopra un filo di mare,
come foglia che si è fatta trasportare,
come la pioggia nei giorni di sole
sono arrivato qui.
E tu mi chiedi dei miei occhi lontani,
delle mie partenze, dei miei gusti strani,
sfiori il segreto dei miei misteri,
ti chiedi cosa c’è.
Dietro questa immagine
c’è che sono, sono, sono così.
Straniero,
vengo da lontano e nessuno lo sa,
mi credi?
Straniero,
stella senza cielo che poi se ne va,
mi vedi?
Tu rimani un brivido,
ma il mio mondo, certo, è molto di più.
Straniero
anche al tuo respiro e a questa città,
ci credi?
Straniero,
vengo da lontano, oh…
Mi guardi appena e sai che mi hai perso,
che ti resterà di me il sapore intenso
di queste labbra senza parole
ancora su di te.
Sì, lo so, mancherebbe qualcuno al mio fianco,
qualche storia certa da tenermi accanto,
la sicurezza di un tiepido amore,
lo sai non fa per me.
Dietro questa immagine
c’è che sono, sono, sono così.
Straniero,
vengo da lontano e nessuno lo sa,
mi credi?
Straniero,
stella senza cielo che poi se ne va,
mi vedi?
Tu rimani un brivido,
ma il mio mondo, certo, è molto di più.
Straniero
anche al tuo respiro e a questa città,
mi credi?
Straniero,
vengo da lontano e nessuno lo sa,
mi vedi?
Dietro questa immagine
c’è che sono, sono, sono così.
Straniero, straniero,
straniero, straniero.

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory