« Torna alla pagina delle canzoni

Qui gatta ci cova

Interpretata da Tullio De Piscopo (1993)

Autori: T.De Piscopo - Mario e Giosy Capuano

Qui gatta ci cova
Bollente e misteriosa
è a casa o per strada
Se scappa chi le busca non si sa
Graffiò amori nel passato
Sente il bisogno di carnalità
Tutta la notte e anche il giorno
Per me tu sei follia, malia, faina
E tu m’è fatto ‘na rapina
Qui gatta ci cova
L’anima mi strapperà
Io la cerco non m’ama
La voglia fino all’osso arriverà
Cercherò tra vicoli e portoni
Devo bruciare il maschio che c’è in te
Il ritmo corre batte in testa
Per me tu sei follia, malia, faina
E. tu m’hai fatto una rapina, faina
Come una perla sono pronto a rotolare
Saltare saltare
L’orologio porta sempre il tempo
Un po’ veloce a volte troppo lento
La gatta felina quatta quatta sta
Ma chi t’ha ditto ca nun ce ‘a faccio
A te acchiappà, stai sotto un cielo
Qui gatta ci cova
Aperto oppure dentro a un letto
Qui gatta ci cova
Forse per strada, a casa, al bar o
La febbre ti assale
Nel deserto
Tu la cerchi e non c’è
Senza ragione attacca una nuova
È canzone, invece poi mi accorgo che
È un’illusione, la gatta sul tetto
Sul tetto che scotta, si nun me stongo
Accorto piglio pure e botte, e poi e
Poi spero che finirà sento la mamma
Grida ma chi to fa fa’
Come un delirio è questa febbre che mi assale
Follia, malia, faina
Tu m’hai fatto una rapina, faina
Tu m’hai fatto una rapina, faina, felina
Tu m’hai fatto una rapina, faina.

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory