« Torna alla pagina delle canzoni

…E le rondini sfioravano il grano

Interpretata da Giampiero Artegiani (1986)

Autori: Artegiani - Marrocchi

Con la nuova stagione si sciolse la neve
Azzannata dai raggi del sole e con la
Nuova stagione i miei sandali azzurri
Lasciarono i vecchi aquiloni
E sbocciarono papaveri rossi
E il primo amore un uragano
E le rondini sfioravano il grano
Garrivano e sfioravano il grano
Evitavo i compagni e le feste
E scappavo da solo sul colle più alto
Era bello restare in silenzio per ore a guardare
Il paese lontano
Aspettare l’arcobaleno
Con il mento sulla mano
E le rondini sfioravano il grano
Garrivano e sfioravano il grano

E sciolsi l’anima
E volai su oceani limpidi
E cercai foreste vergini per lei

Le mie inquietudini trovai
Quanti ricordi avrai
Ma tu non li ascolti mai
E non so
Che cosa te ne fai che vuoi
Da un uomo come me
E resto qui senza te anche se tu sei qui
Che strano
Pomeriggi di mani confuse di sguardi e silenzi
Di voglie improvvise io ti amo davvero
Le dissi ti prego non dirmi che sono un bambino
Anche se non so far l’amore
Anche se il mio mondo è strano
Lei sorrise e sfiorò la mia mano
E le rondini sfioravano il grano

E sciolsi l’anima
E volai su oceani limpidi
E cercai foreste vergini per lei

Le mie inquietudine scordai
Quanti ricordi avrei ma tu
No capiresti mai e non so
Che cosa tre ne fai che vuoi
Da un uomo come me
E resto qui senza te anche se tu sei qui
Che strano
E le rondini sfioravano il grano.

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory