« Torna alla pagina delle canzoni

Uomo qualunque

Interpretata da Ezio Maria Picciotta (1976)

Autori: Picciotta - Migliacci - Farina

Facciamo un esempio
se tu m’incontrassi
per la prima
ed io ti chiedessi vuoi fare l’amore
tu che sei di cuore
mi perdoneresti
ti faccio presente
che fisicamente
so già di piacerti
però mi diresti
non c’è una ragione
per fare l’amore
ci vuole l’amore
sarebbe banale
sei sempre perfetta
che noia mortale
e invece stasera… stasera
dunque
ti chiedo di uscire
io uomo qualunque
ti offro una cena in un buon ristorante
ti porto a ballare in un posto elegante
ti invito in un piccolo albergo discreto
per stare tranquilli
il momento è segreto
poi spengo la luce ti chiedo
oh oh oh oh oh oh
oh oh oh oh oh oh
adesso mi ami
adesso ti amo
oh oh oh oh oh oh
oh oh oh oh oh oh
ancora così
Oh oh oh oh oh oh
dunque vedi che non è volgare come credevi
un albergo una stanza
come il primo giorno si ricomincia
dunque
dunque
ti stai innamorando di un uomo qualunque
succede qualcosa di molto importante
ritorni una bimba ed invogli un amante
mai stata più vera più bella di adesso
bisognerà farlo magari più spesso
poi spengo la luce e ti chiedo
oh oh oh oh oh oh
oh oh oh oh oh oh
oh oh oh oh oh oh
più spesso
oh oh oh oh oh oh
ti amo ti amo ti amo ti amo…..

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory