« Torna alla pagina delle canzoni

Straniera straniera

Interpretata da Lionello (1973)

Autori: Chiaravalle - Specchia

Quel bambino chi è, la bambina chi è…
quel bambino son io, la bambina sei tu
con vent’anni di più.
Ma il cortile dov’è, quella pianta dov’è…
quella rosa per chi, quella rosa perché,
io la colsi per te.
Una macchina va
nella grande città,
tutto in te cambierà.
Eri dolce e sincera,
eri tu, eri vera,
mentre adesso ti guardo
poi ti vedo più straniera, più straniera, più straniera.
Era un gioco d’amore,
era un raggio di sole,
riscaldava il mio cuore,
ma l’amore, l’amore, l’amore
che cos’è l’amore…
Eri dolce e sincera,
come l’acqua più chiara,
mentre adesso ti guardo
poi ti vedo più straniera, più straniera, più straniera…
Quella rosa per chi, quella rosa perché,
io la colsi per te.
Una macchina va
nella grande città,
tutto in te cambierà.
Eri dolce e sincera,
come l’acqua più chiara,
mentre adesso ti guardo
poi ti vedo più straniera, più straniera, più straniera…
Eri dolce e sincera,
come l’acqua più chiara,
mentre adesso ti guardo
poi ti vedo più straniera, più straniera, più straniera…
Eri dolce e sincera,
come l’acqua più chiara,
mentre adesso ti guardo
poi ti vedo più straniera, più straniera, più straniera…

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory