« Torna alla pagina delle canzoni

Vecchia villa comunale

Interpretata da Gino Latilla e Giorgio Consolini (1953)

Autori: Ruocco - Oliviero

Vecchia villa comunale,
sei rimasta tale e quale…
con i giochi dei bambini,
con i viali e coi giardini…
C’era là sempre un signore
che leggeva il suo giornale;
la mia palla lo colpì
di rimbalzo sugli occhiali
che si ruppero così…

Mi ricordo, mi ricordo,
ero bimbo e anch’io giocavo;
rosso in viso ritornavo dalla mamma ch’era là.
La sua mano mi porgeva,
sempre piena d’ansietà, mi baciava e mi diceva:
Sei la vita di mammà!
La panchina che, mi accoglie, si è col tempo logorata;
fra i ricami delle foglie c’è la mamma mia adorata…
Mi ricordo, mi ricordo,
che bei tempi erano quelli…
Ora ho tanto freddo al cuore,
tanta neve sui capelli!

Vecchia villa comunale,
vengo a leggere il giornale;
non badare se soltanto
sulle ciglia ho un po’ di pianto…
Or son io che son seduto,
un po’ triste e malandato,
ed un bimbo alto cosi
la sua palla m’ha lanciata
sugli occhiali, proprio qui!…

Mi ricordo, mi ricordo,
ero bimbo e anch’io giocavo;
rosso in viso ritornavo dalla mamma ch’era là.
La sua mano mi porgeva,
sempre piena d’ansietà, mi baciava e mi diceva:
Sei la vita di mammà!
La panchina che mi accoglie, si è col tempo logorata;
fra i ricami delle foglie c’è la mamma mia adorata…
Mi ricordo, mi ricordo,
che bei tempi erano quelli…
Ora ho tanto freddo al cuore,
tanta neve sui capelli!

Vecchia villa comunale,
sei rimasta tale e quale!…

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory