« Torna alla pagina delle canzoni

Vattene amore

Interpretata da Mietta e Amedeo Minghi (1990)

Autori: Minghi

Vattene amore che siamo ancora in tempo,
credi no,
spensierato sei contento,
vattene amore che pace più non avrò ne’ avrai,
perderemo il sonno credi di no,
i treni e qualche ombrello,
pure il giornale leggeremo male caro vedrai,
ci chiederemo come mai il mondo sa tutto di noi,
magari ti chiamerò trottolino amoroso
“Dudu Dadada”
e il tuo nome sarà il nome di ogni città,
di un gattino annaffiato che miagolerà,
il tuo nome sarà su un cartellone che fa’,
della pubblicità sulla strada per me
ed io col naso in su la testa ci sbatterò,
sempre là sempre tu…
ancora un altro po’ e poi ancora non lo so.
Vattene amore,
mio barbaro invasore,
credi di no,
sorridente truffatore
vattene un po’ che pace più non avrò ne’ avrai
e piccoli incidenti caro vedrai
la stellare guerra che ne verrà,
il nostro amore sarà li,
tremante e brillante cosi,
ancora ti chiamerò trottolino amoroso
“Dudu Dadada”
e il tuo nome sarà il freddo e l’oscurità’,
un gattone arruffato che mi graffierà,
il tuo amore sarà un mese di siccità
e nel cielo non c’e’ pioggia fresca per me
ed io col naso in su
la testa ci perderò
sempre là sempre tu…
ancora un altro po’
e poi ancora non lo so
ancora ti chiamerò trottolino amoroso e
“Dudu Dadada”
e il tuo nome sarà il nome di ogni città,
di un gattino annaffiato che miagolerà,
il tuo nome sarà su un cartellone che fa’ della pubblicità
sulla strada per me ed io col naso in su
la testa ci sbatterò,
sempre là sempre tu…

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory