« Torna alla pagina delle canzoni

Senza giacca e cravatta

Interpretata da Nino D'Angelo (1999)

Autori: N.D'Angelo - C.Tortora

Quanta strada aggio fatto
pe’ sagli’ sta furtuna
mmiez’ a gente distratta
io non ero nisciuno
quanta notte scetato
pe’ scala’ chillo muro
mmiez’ ‘e figli scurdato
aggl’ appiso ‘a paura.
Io aspettavo a te
crescevo dint’ ‘o sanghe
a’ musica vullente
te bruciavo a dinto
e tenive a me
comm’ultima speranza
me sentive ‘ncuollo
dint’ ‘a tutte ‘e panne.
Vita mia
mo’ volo ‘nzieme a te
e stu viaggio ‘e canzone
m’è data d’ammore pe’ vivere
vita mia
mo’ corro’ ‘nzieme a te
a purta’ tutte ‘e suonne cchiù belle
a chi ancora add’ esistere.
Quanta strada aggio fatto
pe sagli’ sta furtuna
senza giacca e cravatta
accussi’ so’ venuto
mmiez’ ‘e facce ‘mportante
c’hanno tuccato ‘a luna
guardo areto ogni tanto
pe’ capi’ addo’ so’ ghiuto,
io aspettavo a te
crescevo dint’ ‘o sanghe
‘a musica vullente
te bruciavo a dinto
e tenive a me
comm’ultima speranza me sentive ‘ncuollo
dint’ ‘a tutte ‘e panne.
Vita mia
mo’ volo ‘nzieme a te
‘ncopp’ ‘o tiempo ca resta int’ ‘a faccia
mettimmece a ridere
vita mia
mo corro ‘nzieme a te
e continua stu suonno scetato
e io so’ ‘n’ommo cchiu’ libero.
Vita mia
mo’ volo ‘nzieme a te
e stu viaggio ‘ e canzone
‘m’e’ data d’ammore pe’ vivere.
Vita mia
(io aspettavo te)
mo’ corro’ ‘nzieme a te
(crescevo dint’o sanghe ‘a musica vullente)
a purta’ tutt’e suonne cchiù belle
te bruciavo a dinto e tenive a me
a che ancora add’esistere
(comm’ultima speranza
me sentivo ‘ncuollo dint’ ‘a tutte ‘e panne).

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory