« Torna alla pagina delle canzoni

Alberi

Interpretata da Enzo Gragnaniello e Ornella Vanoni (1999)

Autori: E. Gragnaniello

Aridi e senza una terra siamo poveri
senza più radici noi non siamo liberi
liberi di fare sogni e di volare via
oltre queste case dove sono gli alberi.
Alberi ca’ frutta ‘a coppa e nuje che stammo a’sotto
e tu ce arripare quanno ce sta ‘o sole o chiove
alberi tagliati comme se tagliano ‘e mele
sento ‘nu bisogno ‘e me e ‘nu bisogno ‘e te.
C’erano le foglie sparse al vento e poi
appriesso appriesso
insieme a loro c’eravamo noi
appriesso appriesso
Stammo aspettanno ca’ turnammo ‘a casa
stiamo aspettando chi ci abbraccerà.
E come alberi feriti noi
stiamo perdendo luce lentamente, noi e stiamo male
e ci ritroviamo poi sempre più soli e lontani.
Sento ‘nu bisogno ‘e me appriesso appriesso
sento ‘nu bisogno ‘e te appriesso o viento
sento ‘nu bisogno ‘e nuje.
Alberi sulle autostrade si allontanano
quando imparerò ad amare io li seguirò
alberi tagliati comme se tagliano ‘e mele
sento ‘nu bisogno ‘e me ‘nu bisogno ‘e te.
C’erano le foglie sparse al vento e poi
appriesso appriesso
insieme a loro c’eravamo noi
appriesso appriesso
stammo aspettando ca’ turnammo a casa
stiamo aspettando chi ci abbraccerà.
E come alberi feriti noi
stiamo perdendo luce lentamente, noi e stiamo male
e ci ritroviamo poi sempre più soli e lontani.
Sento ‘nu bisogno ‘e me appriesso appriesso
sento ‘nu bisogno ‘e te appriesso o viento
sento ‘nu bisogno ‘e nuje.
Appriesso appriesso
appriesso ‘a te.
Appriesso appriesso
appriesso ‘a te

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory