« Torna alla pagina delle canzoni

Soli

Interpretata da Drupi (1982)

Autori: Drupi - Belleno - De Scalzi

E poi si resta soli e non si canta più
qualcuno prende il volo e qualcun altro cade giuù
ma in una notte come questa è facile sbagliare
meglio aprire un’altra porta e non pensarci più.
Soli
Ma come è grande questo mare da guardare soli
Quante cose da gridare mentre corri fuori
Tra le stelle di una notte senza più rumori.
Soli
E la notte nasconde forse nuovi amori
Per chi ha voglia di entrare e per chi resta fuori
qualche volta si sbaglia e si rimane soli.
Quante navi perdute dentro questo mare
Con la solita luna ferma lì a guardare
Due domani che non si incontreranno mai.
E poi si resta soli e non si canta più
Qualcuno prende il volo ma come e’ bella una canzone in più
Per cominciare un’altra volta
Per non restare ancora
Soli
Quante stanze in una casa che non ha colori
Quante porte da sfondare per uscirne fuori
E trovarsi già lontano mentre accendi i fari.
Quante navi perdute dentro questo mare
Con la solita luna ferma lì a guardare
Due domani che non si incontreranno mai.
Soli…….

Avviso!
Tutti i testi contenuti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività di studio e di ricerca.


 


|


Chi siamo


|


Contatti


 

© SanremoStory