Sanremo Story
 

Festival di Sanremo 2006
La serata finale

Commento a cura di Cristiano Mancin

L’apertura della serata finale del 56° Festival della Canzone Italiana è affidata a Giancarlo Giannini, che interpreta con le sue doti da grande attore la canzone di Domenico Modugno “Vecchio frac”.
Dopo essersi scambiati i ringraziamenti per l’avventura trascorsa, Giorgio, Ilary e Victoria possono dare il via alla gara.

A votare questa sera sarà esclusivamente il pubblico da casa col televoto.

Ad aprire la gara è Povia con “Vorrei avere il becco”: visibilmente emozionato, non gli riesce molto bene il verso del piccione…
A contrastargli la vittoria nella categoria uomini è Michele Zarrillo con “L’alfabeto degli amanti”.

Il primo super ospite italiano di questa serata finale è Andrea Bocelli, che canta accompagnandosi al pianoforte il brano che proprio da Sanremo l’ha fatto conoscere agli italiani e col quale ha vinto nel 1994 la sezione Nuove Proposte: “Il mare calmo della sera”.
Ma la sorpresa è il duetto seguente, con la popstar Christina Aguilera, che sfoggia una voce davvero straordinaria e, come l’ha definita Bocelli, angelica.
Chiude il suo intervento col brano scritto da lui come inno dei giochi olimpici invernali di Torino.

 

Dopo la pubblicità, tocca alla categoria gruppi.
Cominciano i Nomadi con “Dove si va” seguiti dagli Zero Assoluto con “Svegliarsi la mattina”.
Segue un monologo di Panariello, che scherza sul fumo e la legge che vieta di fumare nei locali pubblici. Al termine, Panariello presenta Virna Lisi, che avrà l’incarico di premiare il vincitore assoluto del festival.

Altra pubblicità e secondo super ospite: Eros Ramazzotti.
Anche lui parte ricordando i suoi esordi sanremesi: canta “Terra promessa” (1° posto tra i giovani nel 1984), “Una storia importante” (1985) e “Adesso tu” (1° posto assoluto nel 1986).
Col ciuffo e la cravatta a pois, Eros sembra uno dei Righeira, ma il carisma è quello di sempre, che gli ha permesso di ottenere consensi in tutto il mondo.
E lo dimostra anche nel duetto successivo con Anastacia, nel loro ultimo successo: “I belong to you”.

Tocca quindi alla categoria donne.
La prima a salire sul palco è Dolcenera, che canta “Com’è straordinaria la vita”: migliora di volta in volta, ma la battaglia sarà dura perché l’avversaria è tosta. Infatti, se Dolcenera ha migliorato nell’interpretazione, Anna Tatangelo migliora di volta in volta il look: abito mozzafiato e voce eccezionale, per l’interprete di “Essere una donna”.
Terza pubblicità e terzo super ospite: Laura Pausini.
Dopo aver visto le immagini della premiazione agli ultimi Grammy Awards, anche per lei è il momento del revival, con i suoi due brani sanremesi: “La solitudine” (vincitrice tra i giovani nel 1993) e “Strani amori” (terza nel 1994), seguiti a ruota dal recente “Come se non fosse stato mai amore”.
Dopo una breve intervista, canta “Lei”, cover ben riuscita di un vecchio successo di Charles Aznavour.

Completano la gara i due giovani giunti in finale: Simone Cristicchi con “Che bella gente” e Riccardo Maffoni con “Sole negli occhi”.

Al rientro dalla pubblicità, viene consegnato un premio speciale assegnato dalla Siae ai Negramaro, che proprio da Sanremo hanno cominciato l’anno scorso la loro scalata verso un meritato successo.

Ed arrivano i risultati dei vincitori di categoria.
Riccardo Maffoni a sorpresa vince il premio per la categoria giovani.
Per la categoria gruppi vincono i Nomadi, confermando quello che era il risultato delle prime votazioni.
Per la categoria donne vince Anna Tatangelo, ribaltando in extremis il risultato che vedeva inizialmente in testa DolceNera.
Il premio per la categoria uomini va a Povia: una rimonta incredibile la sua, dato che era solo quarto dopo la prima serata.

Dopo un doveroso omaggio a Sergio Endrigo, grande protagonista di numerosi festival scomparso pochi mesi fa, viene sorteggiato l’ordine d’esibizione dei 4 vincitori di categoria che si contenderanno la vittoria finale.

Comincia Povia, seguito nell’ordine da Anna Tatangelo, Riccardo Maffoni e Nomadi.
Nel mare di ringraziamenti ai tecnici e a tutto lo staff, Giorgio Panariello ne riserva molti anche al pubblico in sala, che in questa serata finale si è dimostrato molto più vivo e presente che nelle serate precedenti.
Prima del risultato finale, uno dei momenti più attesi di questo festival: Laura Pausini e Eros Ramazzotti, insieme, cantano “Nel blu dipinto di blu (Volare)”. Sicuramente una coppia ben assortita, capace di rendere interessante anche un brano straconosciuto come questo.
Passerella anche per le quattro modelle che hanno rappresentato le quattro categorie in gara: Francesca Lancini, Claudia Cedro, Vanessa Hessler, Marta Cecchetto stasera vestono Armani.

Premi complementari:

Premio “Raisat Ragazzi” a Simone Cristicchi
Premio “Sala stampa” ai Nomadi
Premio della critica “Mia Martini” a Noa, Carlo Fava e Solis String Quartet

 

All’una e un quarto, Virna Lisi annuncia il nome del vincitore
del 56° Festival di Sanremo: Povia

Povia vince Sanremo 2006 con “Vorrei avere il becco”

Dato tra i favoriti alla vigilia, nessuno poteva aspettarsi un simile risultato dopo le
prime votazioni. Un brano disincantato che ha catturato subito la simpatia del pubblico a casa.

Ancora una volta il Festival paga il conto l’anno dopo e regala a Povia la vittoria che molti avrebbero voluto assegnargli nel 2005.



<-- 2005 - 2007 -->
 
SanremoStory
 
| Chi siamo | Contatti

|

© SanremoStory